logo Datameteo Datameteo previsioni meteo



Meteo e Previsioni meteo Griffiss afb-88d

meteo Griffiss afb-88d, allerta meteo Griffiss afb-88d, meteo 16 giorni Griffiss afb-88d

Dati Griffiss afb-88d e Previsioni meteo Griffiss afb-88d con aggiornata allerta meteo Griffiss afb-88d ed incendi.

Modelli meteo Griffiss afb-88d ad alta risoluzione WRF,CFS,WWW3 per eolico, fotovoltaico, protezione civile. Il modello per le previsioni meteo 16 giorni Griffiss afb-88d è aggiornato regolarmente secondo una cadenza atipica. Inoltre sono disponibili previsioni meteo 16 giorni Griffiss afb-88d per 7000 comuni italiani e 8000 location nel mondo Previsioni meteo Griffiss afb-88d meteo Griffiss afb-88d meteo 16 giorni Griffiss afb-88d
Buone performances delle stagionali per il mese di Dicembre  in corso con possibili imprecisioni nel dettaglio previsionale temporale del Mediterraneo.
Si denota infatti la rottura del pattern di Novembre con la lenta ricollocazione dei gpt atlantici e via via affondi piu’ freddi dopo un’avvio deludente della stagione e piuttosto mite.

Il mese di GENNAIO ci proporrebbe alcune fasi gelide specie nella primissima parte e in parte a fine prima decade,con un’estremizzazione del pattern per un forte STRATWARMING e forte debolezza del Vortice polare.



Anomalie termiche Europa Dicembre 2014

Carta delle anomalie termiche a 850hpa previsto dal modello climatologico CFS V2 con elaborazione Datameteo per il mese di Gennaio  2015.

COMPARAZIONE COL PRECEDENTE OUTLOOK [RILEGGI]

Rispetto al precedente outlook denotiamo un’andamento che ricalca abbastanza la tendenza con fasi via via piu’ fredde e dinamiche nel mese dicembrino con la fine delle forti anomalie positive dalla fine della prima decade.


FOCUS ITALIA: FASI INVERNALI ANCHE CRUDE,ALTALENANTI AD AZIONI PIU’ MITI

L’evoluzione per il mese di Dicembre, sta ricalcando la tendenza precedente per larghi tratti,con il mediterraneo alle prese di un ribaltamento del  trend climatico novembrino con fase di accelerata zonale e parziale riaccorpamento del VP dopo il forte disturbo pacifico alla struttura ma poco proficuo .Tutto cio porta  al recupero dell’hp azzorriano ad ovest del continente e calo dell’indice EA su valori piu’ accettabili,con puntate nordiche e affondi freddi sul mediterraneo.Il mese di Gennaio  invece si farebbe sentire in modi differenti ma con molta dinamicita’,legata al possibile forte stratwarming,con scissione del VP in due nuclei(split).Certamente solo in alcune fasi risentiremo del vero gelo e neve in varie fasi,ma in altre un pattern cosi estremo,finirebbe anche per pescare ad ovest risposte piu’ miti.Con molta probabilita’ tutto si sposta ad est in modo piu crudo a fine mese,dopo pero’ una partenza che potrebbe essere con una fase cruda.



Italia Settentrionale

Il mese di gennaio esordirebbe con un rapido peggioramento a carattere nevoso sulla parte orientale in modo rapido,gran gelo notturno e anche diurno con valori anche notevoli.Alla fine della prima settimana del mese variabile con nevicate sparse al nord-est,invece neve diffusa in fase iniziale in valpadana e nord-ovest con situazioni anche critiche,rialzo termico generale.

La fase centrale del mese di gennaio ci proporrebbe una rapida pausa interciclonica con termiche piu’ miti per l’arrivo di una saccatura atlantica e neve che salira di quota.Con molta probabilita’ poi la terza decade ci proporrebbe una nuova forte ricaduta invernale,con gelo e irruzione artico-continentale,neve rapida tra Venezie e valpadana orientale,in rapido miglioramento a seguire.


Italia Centrale

Il mese di gennaio esordirebbe con un rapido peggioramento a carattere nevoso sulla parte adriatica in modo rapido,gran gelo notturno e anche diurno con valori anche notevoli.Alla fine della prima settimana del mese variabile con nevicate sparse in appennino dai 6-700 m,invece neve diffusa in fase iniziale in Toscana  con situazioni anche critiche,rialzo termico generale.

La fase centrale del mese di gennaio ci proporrebbe una rapida pausa interciclonica con termiche piu’ miti per l’arrivo di una saccatura atlantica e neve che salira di quota.Con molta probabilita’ poi la terza decade ci proporrebbe una nuova forte ricaduta invernale,con gelo e irruzione artico-continentale,neve rapida su buona parte del centro in evoluzione adriatica.

Italia Meridionale

Il mese di gennaio esordirebbe con un rapido peggioramento a carattere nevoso sulla parte adriatica e ionica  in modo rapido,freddo  notturno e anche diurno con valori anche piuttosto al di sotto delle medie.Alla fine della prima settimana del mese variabile con nevicate sparse in appennino dai 7-800 m,invece neve diffusa in fase iniziale in Campania a quote collinari con situazioni anche critiche,rialzo termico generale.

La fase centrale del mese di gennaio ci proporrebbe una rapida pausa interciclonica con termiche piu’ miti per l’arrivo di una saccatura atlantica e neve che salira di quota.Con molta probabilita’ poi la terza decade ci proporrebbe una nuova forte ricaduta invernale,con gelo e irruzione artico-continentale,neve rapida su buona parte del sud in evoluzione ionica.


Anomalie Italia Gennaio 2015

Tendenza Stagionale Italia Dicembre 2014



TENDENZA SUCCESSIVA PROSSIMI MESI ITALIA

Il mese di Febbraio si mostrerebbe inizialmente altopressorio e stabile,per poi evolvere con alcune bordate meridiane dirette sul comparto balcanico e adriatico,possibili interferenze atlantiche al nord dopo meta’ mese.Possibile realizzazione di un MMW con VP in mille pezzi entro la prima meta’ del mese,ma dovremo tornare su tale ipotesi piu’ avanti. In soldoni per i meno tecnici stabile nella prima parte, incerto per influssi freddi dai Balcani nella seconda




SITUAZIONE TELECONVETTIVA - Approfondimento tecnico per i più esperti


Le proiezioni in area ENSO nelle ultime settimane hanno mostrato segnali contrastanti nello sviluppo del prossimo fenomeno di EL NINO,e cio si evidenziava nell’andamento del SOI(pressione da DARWIN e Tahiti ),indicando un fenomeno di ENSO positivo ma meno intenso di quanto si potesse preventivare anche se comunque in grado di attivare   maggiori trasporti di calore alle latitudini artiche il che si sta attivando proprio in concomitanza col periodo dicembrino anche per questo viene chiamato” bambinello”.

.Sara’ interessante vedere quanto influenzera’ la nuova stagione,la  migliore situazione dei ghiacci artici ,anche per la situazione invernale pregressa,in sede russo-siberiana,in quanto il pattern AD+ ha favorito  una maggiore concentrazione di estensione in sede canadese e Groenladese,una controtendenza rispetto agli ultimi anni.Saranno elementi importanti anche per il  trimestre invernale,in quanto contrastano non poco con le tendenze  recenti quando il pattern AD- ha fatto da padrone,con forte debolezza del ramo canadese del VP a discapito di quello siberiano.Il delicato monitoraggio in ottica AO dello snov-cover ottobrino e relativa pendenza della curva(SAI index),ci mostrano un’estensione da record superiore al 2012,con pendenza in calo nel periodo delicato pur mantendendo un’indicazione di VP disturbato ma non in modo eccessivo(stile 2009 per intenderci).

Con molta probabilita’ potremmo registrare nel corso del trimestre freddo un’AO media attorno a -0.8 con alcune oscillazioni opposte a bilanciarsi.Ovviamente la fase di caduta massima si avrebbe ad impulsi con la genesi secondo percorso T-S-T eventi del forte WARMING che porterebbe alla rottura del VP su tutta la colonna isobarica e relativa retrogressione,del lobo siberiano in Europa. Anche in ottica NAO l’andamento dell’AP index molto importante per gli effetti sulla NAO attraverso l’indebolimento dell’indice zonale ci mostrano indicazioni non proprio da NAO a fondoscala,negativa  a tratti si visto il tripolo ma non in maniera esasperata.Anche l’andamento estivo spesso correlato a quello invernale ci mostra una lunga fase neutro-negativa.


Persistenza tra NAO estiva e andamento invernale


Ecco cosa successe la scorsa estate



In effetti considerando la forzatura sulla NAO nel periodo sotto influenza del pattern di rottura strato-troposferica di fine Dicembre,e la fase positiva della prima parte alla fine avremo valore neutri o debomente negativi su base trimestrale simile all’AO.


Tendenza successiva:
Il mese di febbraio sarebbe figlio dell’ESES stratosferico con disturbi al VP ad impulsi,avremo lo spostamento progressivo ad est del Blocking atlantico per la forzatura dall’area ENSO,con colate a tratti gelide alternate a fasi piu’ tranquille.

Datameteo LRC previsioni meteo località italia e mondo
Sei in Previsioni Meteo: Mondo >> Europa >> Italia >> Sicilia >> Palermo
    Cerca località
 Nazione: 
 Regione/stato: 
 Provincia: 
 Località: 
   Sicilia
Meteo 7 giorniMeteo 16 giorniMeteo 45 giorniPrevisioni Stagionali
Focus Stagionale :

MeteoVid:Maps,Modelli,Video

Legenda

Anomalia Temperatura

 

Temperatura °C Periodo
Maggiore 1°C
Maggiore 4°C
Piu caldo
Molto caldo
Minore -1°C
Minore -4°C
Piu freddo
Molto freddo
  Compreso tra -1°C e 1°C Nella media
Maggiori dettagli
Il modello è concepito con lo scopo di individuare i maggiori forcing agenti sulla circolazione atmosferica ed in grado di determinare variabilità a bassa frequenza (quelle modalità di circolazione in grado di caratterizzare il tipo di tempo di una determinata area per almeno 8 giorni). Continua...
Legenda Precipitazione - Legenda Umidita - Legenda Temperatura


 

Aggiornamento: MER 22 Settembre 2010, ora italiana 15:09 (UTC+1 Inverno UTC+2 Estate)

Meteo Regioni Nord Meteo Regioni Centro Meteo Regioni Sud
Emilia Romagna
Friuli Venezia Giulia
Liguria
Lombardia
Piemonte
Trentino Alto Adige
Valle D'Aosta
Veneto
Abruzzo
Lazio
Marche
Molise
Toscana
Umbria
Basilicata
Calabria
Campania
Puglia
Sardegna
Sicilia