logo Datameteo Datameteo previsioni meteo



Meteo e Previsioni meteo Juneau, dodge

meteo Juneau, dodge, allerta meteo Juneau, dodge, meteo 16 giorni Juneau, dodge

Dati Juneau, dodge e Previsioni meteo Juneau, dodge con aggiornata allerta meteo Juneau, dodge ed incendi.

Modelli meteo Juneau, dodge ad alta risoluzione WRF,CFS,WWW3 per eolico, fotovoltaico, protezione civile. Il modello per le previsioni meteo 16 giorni Juneau, dodge è aggiornato regolarmente secondo una cadenza atipica. Inoltre sono disponibili previsioni meteo 16 giorni Juneau, dodge per 7000 comuni italiani e 8000 location nel mondo Previsioni meteo Juneau, dodge meteo Juneau, dodge meteo 16 giorni Juneau, dodge

Rubrica delle tendenze stagionali con carte anomalie Europa ed Italia

Stagione autunnale improntata dopo una prima parte sostanzialmente asciutta , ad una fase instabile prolungata ed incisiva .

Il mese di novembre era stato inquadrato come instabile specie nella prima decade con l'arrivo della neve sulle alpi a fine fase la quale certamente non e' mancata , dopo una fase iniziale piuttosto turbolenta ed instabile nella prima decade , mentre e' mancata la fase altopressoria con mantenimento di un trend ventilato e molto perturbato anche nella seconda parte .

Il mese di Dicembre , invece sta ricalcando fedelmente anche in base ai forecast modellistici la tendenza previsionale , con maggiore dinamicita' rispetto agli ultimi anni , ma fasi invernali transitorie a rapida risoluzione o dirottate a piu' alte latitudini verso l'Europa sudoccidentale e centrale , o rapidamente piegate dal flusso atlantico ancora troppo incisivo , con maggiori chances per le aree centrosettentrionali .

Il mese di gennaio vedrebbe un contributo articomarittimo sull'Europa con alternanza a spallate di alta pressione nella prina parte. Una fase decisamente fredda e nevosa potrebbe manifestarsi nella seconda parte del mese .

Carta previsioni meteo Inverno 2019-2020 Carta delle Anomalie Europa. Questa carta riassume la possibile evoluzione climatica mensile attraverso una sintesi delle anomalie più incisive attese su scala locale

COMPARAZIONE COL PRECEDENTE OUTLOOK [RILEGGI]

Questa fase stagionale denota un clima dinamico con fasi fredde rapide come potrebbe avvenire entro meta' mese , ma subito spazzate via da un flusso atlantico troppo attivo , sacrificando il vero freddo a favore della dinamicita' . Il mese di GENNAIO potrebbe mostrarsi con alternanza tra spallate stabilizzanti e affondi artico marittimi nella prima parte mitigate dal flusso occidentale , con una possibile fase invernale incisiva nella seconda parte .

FOCUS ITALIA: GENNAIO SORPRESE INVERNALI IN CRESCENDO ?

Italia Settentrionale

Il mese di Gennaio nella prima parte vedrebbe cieli sereni e condizioni di estese brinate notturne . Alla fine della prima settimana vi sarebbero due impulsi articomarittimi in successione , con venti intensi a rotazione ciclonica e fenomeni rapidi da ovest verso est , con neve a fine fase in collina sulla parte bassa del nord .

La parte centrale del mese porterebbe ad un graduale miglioramento . Nell'ultima decade di gennaio , si potrebbero manifestare le condizioni per un brusco calo della temperatura, con arrivo di tanta neve anche in pianura a fine fase .

Il mese di Gennaio al nord risulterebbe dinamico , con progressivo calo termico


Italia Centrale

Il mese di Gennaio nella prima parte vedrebbe cieli sereni e condizioni di estese brinate notturne specie nelle aree collinari con clima normale di giorno dal punto di vista termico . Alla fine della prima settimana vi sarebbero due impulsi articomarittimi in successione , con venti intensi a rotazione ciclonica e fenomeni rapidi da ovest verso est , con neve a fine fase in collina o alta collina in appennino .

La parte centrale del mese porterebbe ad un graduale miglioramento . Nell'ultima decade di gennaio , si potrebbero manifestare le condizioni per un brusco calo della temperatura, con arrivo di tanta neve anche in pianura o bassa collina su molti settori con addolcimento a fine fase .

Il mese di Gennaio al centro risulterebbe dinamico , con brusco calo termico nella seconda


Italia Meridionale

Il mese di Gennaio nella prima parte vedrebbe cieli sereni con assenza di fenomeni di rilievo Alla fine della prima settimana vi sarebbero due impulsi articomarittimi in successione , con venti intensi prima meridionali poi da nordovest , con fenomeni rapidi da ovest verso est , neve a fine fase in alta collina in appennino .

La parte centrale del mese porterebbe ad un graduale miglioramento . Nell'ultima decade di gennaio , si potrebbero manifestare le condizioni per un calo della temperatura, con arrivo di tanta neve in alta collina su molti settori con addolcimento a fine fase .

Il mese di Gennaio al sud risulterebbe dinamico , con calo termico nella seconda parte


Anomalie Italia Gennaio 2020


anomalie italia

Carta delle anomalie Italia. Questa carta riassume la possibile evoluzione climatica mensile attraverso una sintesi delle anomalie più incisive attese su scala locale

TENDENZA SUCCESSIVA PROSSIMI MESI ITALIA
Dalle ultime analisi il semestre invernale , si mostrerebbe dinamico solo in fase iniziale ed in parte in Gennaio , con episodi invernali circoscritti a brevi periodi .

Tale tendenza vedrebbe comunque una moderata presenza nevosa sui nostri rilievi
, anche se solo parzialmente ed in limitati periodi alle quote basse , anche se magari con episodi di buona fattura.
 

SITUAZIONE TELECONNETTIVA AUTUNNO/INVERNO 2019 - 2020

Situazione teleconnettiva che evidenzia come siamo di fronte dopo aver assimilato l'evoluzione ottobrina, ad una situazione a dir poco anomala. Un dipolo indiano IOD ed un ITCZ cosi fuori scala , rappresentano dei valori inusuali , potenziando e di molto la cinta subtropicale , con valori termici e di geopotenziale oltre la norma sul mediterraneo .

A questo poi va unito un VPT con PV sbilanciate , in un esasperato Dipolo verso il comparto asiatico , difatto indebolendo la componente zonale in ingresso sul vecchio continente.

Per il resto spicca un blocco sull'Alaska piu decentrato , ed una rediviva NAO- figlia ( ma non solo) del calo dell'attivita' solare . Analizzando altri elementi troposferici spicca , una situazione artica disastrosa , dove prendere spunto prognostico e' assai arduo, vedendo lo sbilanciamento dei ghiacci piu' sul lato russo/europeo , rispetto al 2018 , ci darebbe un predictor criosferico da NAO + invernale , ma il confine e' molto labile , visto si tratta di ghiaccio molto sottile .

In alto invece prosegue il super approndimento del VPS, in pieno stratcooling , il quale pero' diventa a questo punto un nuovo status normale, visto che ad una troposfera piu' calda corrisponda una stratosfera piu' fredda e viceversa .

Ci sara' da contestualizzare, che tipo di effetto avra' e risposta ci sara' dal basso a tale imput di approfondimento , visto un assetto troposferico ben diverso , dagli ultimi anni specie sul pacifico dove il PNA oscilla meglio. Ad ora appare molto probabile , che qualsiasi evoluzione stratosferica , l'assetto di partenza troposferico non subira' molte modifiche, con un blocco caldo sull'Alaska, freddo sud midwest americano, ed una fascia altopressoria europea oscillante, tra Scandinavia/centro Europa e ovest Groenlandia ed Islanda , con lacuna barica sull'Europa sudoccidentale .

In tale contesto il mediterraneo, vedrebbe fasi contrapposte, risentendo raramente di incursioni gelide dirette , a favore di un clima in alcune fasi freddo e dinamico col ritorno della neve localmente al nord . Possibile comunque una retrogressione fredda di pregevole "perla continentale" soprattutto in gennaio .con fasi invernali piu' efficaci nella seconda parte o in coda .

Da rimarcare la probabilita' dopo un possibile sfondamento del NAM per il periodo natalizio , il fatto che la discesa di aria fredda dall'alto potrebbe generare , entro la prima parte di gennaio una risposta delle onde troposferiche " amplificandole" con l'inizio di una forte destrutturazione del VP .
Carta delle anomalie termiche a 850hPa ( 1500 m ) previsto dal modello climatologico CFS V2 con elaborazione Datameteo per il
Anomalie termiche Europa Gennaio 2020
Carta delle anomalie termiche a 850hPa (1500 m) previsto dal modello climatologico CFS V2 con elaborazione Datameteo per il mese di Gennaio 2020.

Tendenza successiva:

Ad ora l'inverno potrebbe vedere una stagione favorevole ad incursioni specie sul settore europeo orientale, e parzialmente il mediterraneo in Gennaio , il tutto in un contesto medio comunque generalmente mite e dinamico .

E20