logo Datameteo Datameteo previsioni meteo



Meteo e Previsioni meteo Valli del pasubio

meteo Valli del pasubio, allerta meteo Valli del pasubio, meteo 16 giorni Valli del pasubio

Dati Valli del pasubio e Previsioni meteo Valli del pasubio con aggiornata allerta meteo Valli del pasubio ed incendi.

Modelli meteo Valli del pasubio ad alta risoluzione WRF,CFS,WWW3 per eolico, fotovoltaico, protezione civile. Il modello per le previsioni meteo 16 giorni Valli del pasubio aggiornato regolarmente secondo una cadenza atipica. Inoltre sono disponibili previsioni meteo 16 giorni Valli del pasubio per 7000 comuni italiani e 8000 location nel mondo Previsioni meteo Valli del pasubio meteo Valli del pasubio meteo 16 giorni Valli del pasubio COMPARAZIONE COL PRECEDENTE OUTLOOK:


Rispetto al precedente outlook si denota una chiara continuita',con dominanza altopressoria in molte fasi specie nella prima parte di ottobre,e con alcune incursioni instabili ad evoluzione lenta,finendo esse intrappolate in un contesto europeo dominato da anticicloni energici,con precipitazioni irregolari ed intense in alcune fasi sull'area mediterranea.

SITUAZIONE TELECONNETTIVA

L'autunno meteo-climatico si avvia alla sua fase matura ma con un quadro poco dinamico non consono ad un periodo annuale che rappresenta il clou precipitativo ,ad ora abbondantemente deficitario.Per arrivare al perche' siamo in una situazione cosi' statica,basta osservare cosa accade alle anomalie superficiali oceaniche,con una fascia medio-atlantica positiva,dalla RM zone verso le coste atlantiche europee,che frenano non poco l'incedere zonale,determinando un pattern EA positivo,e con un tripolo chiaramente positivo ,tipico delle fasi di NAO positiva.

Altro elemento non di poco conto,e' rappresentato dal permanere di una cella altopressoria con gpt elevati in sede Scandinava/MAR DI KARA,frenando l'avanzata zonale verso il vecchio continente,ove le strutture depressionarie aggirano la bolla atlantica ,per tuffarsi in senso semi-meridiano verso il mediterraneo(o da nord-est),o deviando verso il sud-est europeo(cio' non accadeva da alcuni anni).Con simili premesse e' difficile pensare ad un recupero idrico nel corso della stagione,ma sicuramente si va incontro ad un graduale sblocco circolatorio,che inizialmente potrebbe vedere un mix meridiano occidentale(fine ottobre,primi di novembre),con affondi nord-atlantici anche perturbati.Con molta probabilita' vi sono alcune premesse stagionali,figlie del pattern estivo non di poco conto,tra cui la resistenza in molte fasi di un DIPOLO ARTICO NEGATIVO,e cio' e' ben evidente dall'estensione artica molto migliore degli ultimi anni,con indicazioni su una maggiore tenuta stagionale dell'Artic Oscillation,relativo al profilo troposferico del VP,che negli ultimi anni ha visto una formazione ed estensione estremamente sofferta,specie in ambito canadese,a favore del comparto euro-asiatico.


Sappiamo bene come questa tendenza,evidenziabile anche nello strapotere della wave 1 negli ultimi anni,ha estremamente indebolito il collega atlantico,andando ad esasperare moti anti-zonali,attingendo dal serbatoio gelido collegato ad un fortissimo snov-cover asiatico.Nel corso del mese di novembre visto l'avanzare della bolla positiva in sede europea,e con una PDO meno marcata degli ultimi anni,potremmo specie nella seconda parte mensile sperimentare chiusure azzorriane verso nord-est,con bolle di matrice artica in parte continentalizzata a componente parizialmente retrograda,con chiari effetti di stampo invernale.








Il modello matematico- climatologico CFS ,mostra in accordo con il quadro teleconnettivo precedentemente esposto un assetto troposferico votato ad uno sbilanciamento dell'hp atlantico che nel corso del mese potrebbe aprire messaggi freddi o gelidi di di matrice artica parzialmente continentalizzata ,specie sul settore di levante.









ITALIA SETTENTRIONALE:

Il mese novembrino si mostrerebbe con molta probabilita' in apertura spesso piovoso,soprattutto tra est Lombardia,Emilia e settori nord-orientali per correnti sciroccali iniziali,in rotazione poi ad ovest. Possibili nevicate alpine importanti nella prima settimana,a quote medio-alte.A seguire il quadro termico dopo la mitezza iniziale si farebbe rigido,con correnti mediamente nord-orientali,con una seconda decade del mese,in segno della variabilita' dopo una prima parte stabile e soleggiata,causata da venti di matrice artico-russa.Con tale circolazione l'arco alpino orientale e la Romagna a fine seconda decade e prima parte della terza potrebbero avere nevicate alle quote basse(anche pianura),ma in maniera rapida.Sul finire del mese dopo il freddo intenso della prima parte dela terza decade,lo scorrimento umido al nord,determinerebbe nevicate in collina su molte aree specie Lombardia,Emilia e Liguria,mentre sul Piemonte specie cuneese anche in pianura.Quadro termico che a fine mese si andrebbe a normalizzare.



ITALIA CENTRALE:

Nel corso del mese di novembre il clima si mostrerebbe nella prima decade ventilato per correnti sciroccali o di libeccio,con termiche abbastanza miti,e molte precipitazioni specie su aree tirreniche e Marche,con fenomeni che alla fine della prima settimana devierebbero tra adriatico e balcani.A seguire vi sarebbe una chiara svolta di stampo invernale,con nocciolo freddo di matrice artica-continentalizzata,in avvenzione adriatica,dopo la prima parte della seconda decade(quando si avrebbe tempo stabile),con fase clou fine seconda ed inizi della terza.In tale frangente mentre sui lidi tirrenici,il clima sarebbe sereno ma rigido con correnti di tramontana,si materializzerebbe un peggioramento nevoso sulle centrali adriatiche,anche a quote basso-collinari a sfiorare le coste.Con molta probabilita' poi sul finire del mese,una rotazione delle correnti ad ovest dopo la spallata altopressoria,farebbe risalire le termiche in modo sostanziale,con rovesci sul tirreno e neve relegata alle quote appenniniche medie(800m).



ITALIA MERIDIONALE:

Nel corso del mese di novembre il clima si mostrerebbe nella prima decade ventilato per correnti sciroccali o di libeccio,con termiche abbastanza miti,e molte precipitazioni specie su aree tirreniche e nord-Puglia,con fenomeni che alla fine della prima settimana devierebbero tra basso-adriatico e balcani.A seguire vi sarebbe una chiara svolta di stampo invernale,con nocciolo freddo di matrice artica-continentalizzata,in avvenzione adriatica,dopo la prima parte della seconda decade(quando si avrebbe tempo stabile),con fase clou agli inizi della terza.In tale frangente mentre sui lidi tirrenici,il clima sarebbe sereno ma rigido con correnti di tramontana,si materializzerebbe un peggioramento nevoso sulle adriatiche,anche a quote collinari con venti molto intensi ed un sensibile calo delle temperature.Con molta probabilita' poi sul finire del mese,una rotazione delle correnti ad ovest dopo la spallata altopressoria,farebbe risalire le termiche in modo sostanziale,con rovesci sul tirreno e neve relegata alle quote appenniniche medie(1000m).






TENDENZA SUCCESSIVA:

La prossima stagione appare come sempre appesa al filo della lotta strato-troposferica e dare una linea da ora appare alquanto prematuro col rischio COOLING agli inizi della stagione ad ora bassi,ma situazione che andra' monitorata.La cosa che sembra evidente e'dettata da una maggiore tenuta della calotta artica,fattore non di poco conto ,indicante un fattore contenitivo rispetto ai picchi negativi dell'AO nelle ultime esasperate stagioni.Non possiamo poi dimenticare il predictor della RM zone sulla NAO tardo primaverile,indicante una NAO neutra per la stagione,e cio' trova conferma poi anche nell'andamento estivo(buona correlazione tra andamento della NAO estiva e quella invernale).Con tali tasselli ,e vista la presenza di un DIPOLO meno esasperato(in senso positivo negli ultimi anni),con un'AMO+ e PDO- meno estremizzanti degli ultimi anni,l'azione zonale nel corso dell'inverno sarebbe piu' sostenuta e semi permanenti piu' attive,con fasi di stanca invernale cui seguirebbero bordate anche di grossa portata,con alcune fasi che deluderebbero chi aspetta gelo e neve,per poi rifarsi magari in fasi concentrate ma intense.

Vai a: Allerta » Dati attuali » Synop
» Mare » Clima » Meteovid
Sei in Previsioni Meteo:
Mondo » Europa » Italia » Veneto » Valli del Pasubio
    Cerca localit
Meteo ad alta risoluzione
 Nazione: 
 Regione/stato: 
 Provincia: 
 Localit: 
Comune di Valli del Pasubio Alt. 350 m (Prov. di Vicenza)  
  A Valli del Pasubio sono le
Meteo attuale Prossima ora
Qualche nube
Temp: 23°C
Qualche nube
Temp: 24°C
Previsione ore 8:00 - 09:00 - 10:00
Sereno
Temp: 25°C
Mite e gradevole
Prec: -
-
Wind: E 2 Km/h

  Alba:05:50 UTC+02:00 Tramonto:20:52 UTC+02:00 CEST Lat:45.74N Lon:11.26E (ICAO Vicino LIPX) English-Metric  
Giorno            Tempo previsto Min C Max C Precipit Vento Km/h UV
VEN 21 Nuvoloso 22.0°C 29.0°C 7.0mm
Moderata
ESE 17
Moderato
7
SAB 22 Coperto 21.0°C 28.0°C 3.0mm
Debole
N 13 max 19
Debole
DOM 23 Coperto 22.0°C 30.0°C 3.0mm
Debole
NW 13 max 20
Debole
LUN 24 Rovesci di pioggia 20.0°C 24.0°C 31.0mm
Forte
NNW 24
Moderato
MAR 25 Nubi Sparse 17.0°C 26.0°C 2.0mm
Debole
N 31 max 35
Forte
7
MER 26 Nubi Sparse 16.0°C 24.0°C 1.0mm
Debole
NNW 22
Moderato
8
GIO 27 Coperto 18.0°C 25.0°C 2.0mm
Debole
NW 11 max 14
Debole
VEN 28 Qualche nube 20.0°C 33.0°C - ESE 11
Debole
   FINO A SAB 5 Agosto 2017  
Allerte rilevate
Vento forte: MAR 25
Molto caldo: VEN 28

Aggiornamento: VEN 21 Luglio 2017, 06:25 CEST (RUN 18)